Tecnologia PersonGene

L'analisi genomica avanzata, dettagliata, approfondita.

Gli ormoni sessuali influenzano la crescita e la salute del capello, in particolare i capelli che si trovano nelle zone frontali e nel vertice risultano sensibili all’azione dei cosiddetti ormoni androgeni tra cui il testosterone spicca per fama.

Una parte degli ormoni testosteronici, sotto azione dell’enzima 5-alfa reduttasi, viene convertita in diidrotestosterone (DHT).

L’alta concentrazione a livello dell’unità pilosebacea dell’enzima 5-alfa reduttasi è coinvolta nell’insorgenza della calvizie in quanto atrofizza i follicoli piliferi fino a miniaturizzarli, facendo quindi interrompere ogni attività produttiva del follicolo.

L’analisi del DNA su geni e mutazioni specifiche collegate agli ormoni androgeni permette di frenare la progressione della calvizie identificando il trattamento adatto ad ogni individuo e di fare prevenzione agendo con tempestività.

esempio di una sezione di DNA PersonGene

Esempio di unasezione dei risultati frutto dell’analisi gnomica di fattori infiammatori effettuata con il test DNA PersonGene.

Il nostro organismo ha un meccanismo di difesa potente.
Si attiva in presenza di un’infezione o di danni ai tessuti da riparare e si chiama infiammazione o risposta infiammatoria.
Un tessutg che rimane infiammato per molto tempo puo danneggiarsi in maniera più o meno

Il cuoio capelluto, in presenza di un ‘infiammazione che non viene individuata e trattata, può danneggiarsi in maniera intensa portando alla caduta dei capelli e allo sviluppo della calvizie.
Come capire qual è l’origine dell’infiammazione per combatterla e prevenirla? È necessaria un’analisi genomica specifica e completa del DNA.

La salute dei capelli dipende anche da un’alimentazione sana e corretta. Infatti il capello deve la sua robustezza al nutrimento che riesce a ricevere tramite la circolazione sanguigna che a sua volta dipende dallo stile di vita alimentare della persona. Le carenze nutrizionali includono ad esempio uno scarso apporto di proteine, di lipidi, proteine o di oligominerali. 

L’indebolimento dei capelli e le alterazioni del bulbo pilifero possono manifestarsi come primo segno di questa carenza, prima ancora che l’organismo dia altri segnali. 

Ecco perché è fondamentale agire in modo tempestivo e, se possibile preventivo, nell’indagine specifica delle carenze nutrizionali che vanno ad interferire con il benessere dei capelli e favoriscono lo sviluppo della calvizie.

L’analisi necessaria per effettuare una valutazione specifica delle carenze nutrizionali è anch’essa genetica in quanto queste risposte sono racchiuse nel DNA e nelle mutazioni genetiche in atto.

Esempio di unasezione dei risultati frutto dell’analisi gnomica di fattori nutrizionali effettuata con il test DNA PersonGene.

Esempio di unasezione dei risultati frutto dell’analisi genomica sull’alterazione di SHBG  effettuata con il test DNA PersonGene.

La globulina legante gli ormoni sessuali, ovvero SHBG, è una proteina prodotta nel fegato che lega alcuni ormoni che circolano nel sangue tra cui il testosterone e il diidrotestosterone (DHT). Il compito di SHBG è quello di trasportarli attraverso il circolo sanguigno. 

La presenza di alterazioni nei livelli di SHGB può indicare uno squilibrio ormonale e una conseguente manifestazione clinica sull’organismo sottoforma di perdita di capelli e calvizie. 

Infatti la produzione di SHBG è aumentata da estrogeni e diminuita da androgeni. Quindi, un aumento di testosterone può portare a una diminuzione di SHBG, ad un aumento di testosterone libero e quindi ad una maggiore attività della 5-alfa reduttasi che andrà a trasformarlo in DHT e a favorire la manifestazione della calvizie.

Quando si parla di perdita di capelli troviamo spesso il termine calvizie abbinato ad un farmaco ampiamente utilizzato in ambito tricologico, la finasteride. Si tratta di un principio attivo che agisce inibendo il processo di miniaturizzazione dei follicoli piliferi. 

Inizialmente utilizzato per il trattamento dell’ipertrofia prostatica benigna e dei tumori della prostata è poi diventato comune anche per contrastare la caduta dei capelli dipendente da fattori ormonali.

Qui sorge il problema: quando la calvizie non dipende da fattori ormonali l’assunzione di finasteride non ha alcun effetto benefico ma solo possibili effetti collaterali. Il trattamento con finasteride viene troppo spesso prescritto senza una verifica concreta delle cause alla base della singola calvizie.

Ecco perché il test del DNA PersonGene, oltre all’indagine specifica delle cause all’origine della calvizie, verifica anche l’efficacia del farmaco sul singolo paziente.